Rilevazione incendio 2018-09-21T15:07:51+00:00

Impianti di rivelazione incendi e rilevatori antincendio

Rilevatori di fumo

I dispositivi di rilevazione di fumo sono una tipologia di sensore che permette di rilevare la presenza di un principio di incendio. Nella grande maggioranza dei casi si tratta di dispositivi elettronici ed hanno in comune la capacità di comunicare, anche se con modalità diverse, con la centralina di allarme incendi.

I rivelatori di fumo sono i dispositivi più utilizzati in genere in quanto il fumo è uno dei fenomeni più comuni prodotto da un incendio.

La rivelazione del fumo avviene con modalità diverse a seconda delle tecnologie adottate che principalmente sono:

Rilevatore ottico di fumo, barriere lineari, a campionamento dell’aria.

Come proteggere la tua struttura Ricettiva?

Scarica GRATIS la nostra guida per la protezione delle STRUTTURE RICETTIVE

eBook-1Scarica gratis la guida

Guida per la protezione delle STRUTTURE RICETTIVE

Scarica GRATIS la nostra guida su come proteggere al meglio la tua struttura.
Ai sensi della D.Lgs n.196/2003 e Regolamento UE 2016/679 Acconsento alla ricezione via email dell’ebook e di altre informazioni sui sistemi di sicurezza. Scarica l’informativa cliccando questo link
close-link

Rilevatori di fiamma

Il rilevatore di fiamma IR è un dispositivo elettronico ottico che reagisce alle radiazioni termiche infrarosse emesse dal fuoco ed è sintonizzato alle pulsazioni della fiamma per ignorare il sole, le lampade e le altre fonti di luce e di radiazioni infrarosse.

In parole semplici…”l’occhio è più veloce del naso!”

In presenza di fuoco vivo il rivelatore di fiamma IR risponde subito. Il suo comportamento è simile a quello dell’occhio, infatti “vede” le radiazioni emesse dal fuoco

Rilevatori di fumo ad aspirazione

La rilevazione dei fumi ad aspirazione è basata sul prelievo dell’aria dall’ambiente da proteggere effettuato tramite una rete di tubazioni e la sua successiva analisi attraverso una unità in grado di rilevare le più piccole quantità di fumo presenti.

L’aria viene convogliata all’interno del dispositivo attraverso tubazioni che hanno una serie di fori di diametro variabile, calcolato in base alla distanza ed alla dimensione dei locali da proteggere.

Basato sul principio della diffusione della luce, nell’unità è presente un rilevatore che rileva la presenza di fumi o parti di combustione nel campione di aria aspirato.

Sistemi più complessi, analizzano l’aria aspirata tramite un laser il cui raggio viene diretto verso una speciale camera di riflessione.

Quest’ultimo tipo di rilevatori trova impiego in ambienti dove è necessaria una più che precoce rilevazione di un incendio.

Rivelatore di temperatura

Sono rilevatori in grado di sorvegliare la temperatura di un ambiente segnalando il superamento di una soglia preimpostata o il rapido aumento della stessa.

Nel primo caso si tratta di rilevatore termico mentre nel secondo si tratta di rilevatore termovelocimetrico.

Il principio di funzionamento comune a tutte le tipologie prevede l’apertura di un contatto elettrico per effetto dell’incremento di temperatura. La corrente che normalmente vi passa, si annulla e ciò attiva il sistema di allarme.

Generalmente, per i termici vi è una lamina bimetallica che si flette a causa dell’aumento di temperatura  mentre per i termovelocimetrici vi sono due lamine, di cui una rivestita da uno strato isolante, pertanto sono sensibili solo a repentini aumenti di temperatura, mentre non creano falsi allarmi nel caso di graduale incremento di temperatura, che non costituiscono pericolo.

Ma come funziona un impianto di rivelazione incendio?

Contattaci senza impegno

Siamo a Rovereto e Trento, ma ti raggiungiamo in tutta la provincia.

La prevenzione degli incendi è un lavoro di squadra

In Italia la progettazione degli impianti di rilevamento incendi è regolamentata dalla norma UNI 9795 che ha stabilito criteri standard relativamente al posizionamento dei sensori e dei dispositivi di segnalazione. Questo perché è necessario che un sistema antincendio sia un insieme di dispositivi ben definito, progettato e installato da professionisti certificati e autorizzati a operare.

Il cuore di un sistema antincendio è dato da una centralina, un’unità di controllo alla quale sono collegati tutti i singoli dispositivi di rilevamento. Ad essa sono collegati, tramite cavi antifiamma o segnali radio, tutti i diversi rilevatori automatici del sistema.

I rilevatori ad essa collegati rilevano i tre principali eventi che segnalano la presenza di un incendio: fumo, calore e fiamma.

Una volta rilevato l’evento, viene attivata l’evacuazione del sito tramite dispositivi ottico-acustici ed eventualmente avvisati tramite combinatore telefonico.

Gli impianti di rilevazione incendi progettati e installati da Sicurpiù non solo rispettano le normative di riferimento, ma vengono progettati per rispondere nel modo più tempestivo possibile all’incendio, attenuando i danni da spegnimento e mantenendo i disagi causati dalla calamità il meno invalidanti possibile per l’operatività aziendale o familiare.

Oltre a impianti e sistemi antincendio di tipo integrato da Sicurpiù è possibile trovare:

Contattaci senza impegno

Siamo a Rovereto e Trento, ma ti raggiungiamo in tutta la provincia.

Guida per la protezione delle STRUTTURE RICETTIVE

Scarica GRATIS la nostra guida su come proteggere al meglio la tua struttura.
Ai sensi della D.Lgs n.196/2003 e Regolamento UE 2016/679 Acconsento alla ricezione via email dell’ebook e di altre informazioni sui sistemi di sicurezza. Scarica l’informativa cliccando questo link
close-link
Chiama ora
Raggiungerci